Comunicati

La voce dei partner di Notte di luce

Cos'hanno detto i partner dell'evento in occasione della conferenza stampa del 19 giugno, presso il Cortile Federico II.

Massimo Siboni (Presidente AEM Cremona) “Sostenere quelle iniziative che il territorio esprime, portando un contributo concreto a favore della comunità cremonese. È con questo spirito che come AEM Cremona abbiamo prima aderito, insieme ad LGH, all’iniziativa Uniti per la provincia di Cremona a favore degli ospedali del nostro territorio ed oggi, con molte realtà, aziende ed associazioni, a questo progetto “Cremona Notte di Luce”. Per ripartire come sistema territoriale dopo la difficilissima prova dell’epidemia, per costruire la speranza nel futuro della comunità nella quale operiamo”.

Gian Domenico Auricchio (Presidente Camera di Commercio)  “Già nei primi giorni dell’esplosione dell’emergenza causata dal Covid-19 la Camera di Commercio di Cremona si è mossa in prima linea sia per continuare a garantire i servizi alle imprese e agli utenti sia per promuovere ed avviare, anche in collaborazione con Regione Lombardia, una serie di strumenti e proposte per sostenere il sistema socio economico del nostro territorio la cui attività è stata duramente colpita e bloccata dalla pandemia. Non potevamo quindi non aderire a questa bella iniziativa dedicata al rilancio e alla ripartenza in cui la musica e la liuteria diventano motore propulsore e identificano, indiscusse eccellenze del  territorio, la speranza per una rinascita culturale ed economica del nostro sistema sociale ed imprenditoriale”  

Antonio Davò (Presidente Credito Padano)L’esperienza della pandemia ha segnato profondamente il tessuto sociale ed economico di Cremona, lasciandoci in eredità una rinnovata consapevolezza di quanto sia importante preservare il bene comune, attraverso la cooperazione e la solidarietà. Principi che Credito Padano, nella sua qualità di BCC, cioè di Banca del territorio, condivide da sempre e dai quali trae ispirazione per cogliere i bisogni della comunità. Una comunità che grazie all’iniziativa “Notte di luce”, a cui abbiamo aderito subito con gioia, ha l’occasione di riabbracciarsi virtualmente in una bella serata di musica, dopo tanta paura e sofferenza. Con un pensiero speciale a chi è stato in prima linea a combattere il virus: quei medici e quegli operatori sanitari che, in maniera encomiabile, hanno dato tutto e ci hanno resi orgogliosi della nostra città”.

Vittorio Principe (Presidente Confcommercio Cremona) “È un progetto in piena sintonia con i valori della Confcommercio e dei suoi imprenditori. Abbiamo voluto essere partner dell’iniziativa, proprio per richiamare l’impegno quotidiano delle nostre aziende nel far vivere Cremona, nell’aiutarla a ripartire, nell’accompagnarla a riscoprire orgogliosamente la propria identità, nel renderla realtà attrattiva per il turismo. Lavoriamo insieme, restando uniti come in questi ultimi mesi, per ritrovare una rinnovata forza morale e una consolidata determinazione, per affrontare un nuovo giorno (dopo la notte drammatica) da vivere con pienezza, riscoprendo la bellezza dei luoghi ma anche quella dell’anima di ciascuno di noi”. 

Massimo De Bellis (Direttore Cremonafiere) “Le eccellenze cremonesi sono il punto di riferimento per interi settori produttivi e spaziano dall’agroalimentare alla musica, ed hanno un comune denominatore: il saper fare, che si basa sulla tradizione, sulla professionalità, sulla qualità e sull’unicità. Le fiere internazionali di CremonaFiere, Cremona Musica e le Fiere Zootecniche, sono un patrimonio che va ben oltre i confini nazionali, infatti riuniscono intere community internazionali, conferendo a Cremona il ruolo di punto di riferimento. Notte di Luce è un evento che abbiamo seguito con grande piacere fin dall’inizio perché è la testimonianza di un territorio che ha molto da dire a livello internazionale e che deve stringersi e raccontarsi soprattutto in un momento così difficile come quello attuale. L’emergenza sanitaria ci chiama all’appello per evidenziare le nostre qualità grazie anche ad un’azione sinergica fra le principali realtà del nostro tessuto economico. CremonaFiere c’è!”

Maurizio Ferraroni (Amministratore Delegato Ferraroni) La Ferraroni Mangimi è orgogliosa di aver contribuito alla realizzazione di queste serate che verranno trasmesse nel mese di luglio dalla RAI in tutta Italia. Cremona e i cremonesi se lo meritano! La nostra comunità cittadina è stata tra le più colpite a livello nazionale dal Covid-19, ma siamo convinti che sapremo rinascere e ripartire. Nel rispetto delle tante persone che non ci sono più, ci auguriamo di trasmettere alla cittadinanza un messaggio di speranza, per tornare presto a vivere la “normalità” di una quotidianità fatta di affetti, di incontri e di collaborazioni tra le persone; solo così potremo dire di aver vinto questa dura battaglia”.

Virginia Villa (Direttore Generale Museo del Violino)“Notte di luce: un bel titolo per festeggiare il solstizio d’estate e contemporaneamente dare un forte segnale che Cremona, nonostante il duro colpo subito dal Covid 19, è viva e vitale, e vuol tornare ad essere protagonista sulla scena internazionale con i suoi valori di liuteria, arte, musica e attività produttive che la sostengono. Il Museo del Violino, che ha cercato con buon successo anche durante il lockdown, di essere presente sulla rete, partecipa più che volentieri a questo momento di rinascita della nostra comunità con due dei suoi gioielli: da un lato, e non poteva mancare, il violino del sommo liutaio Antonio Stradivari suonato “in mezzo ai suoi fratelli” (lo Scrigno dei Tesori del nostro Museo) da Clarissa Bevilacqua e dall’altro accogliendo il Maestro Roberto Prosseda all’interno dell’Auditorium Arvedi, gioiello del design e dell’acustica, per un concerto su un’altra eccellenza italiana quale il pianoforte grancoda Fazioli. Si riparte, dunque, con slancio e convinzione, convinti che il futuro c’è e che deve essere migliore del passato!”